Addio dentiera, viva i denti fissi.

alt dentiera

Le protesi totali o "dentiera" è costituita da denti artificiali di resina o di ceramica, inseriti su una base di resina di colore simile a quello delle gengive.
Questa tipologia di protesi è indicata quando mancano tutti i denti di una o ambedue le arcate dentarie (superiore e inferiore), per ripristinare la corretta masticazione.

Protesi mobile

Questa protesi ha un supporto esclusivamente osteo-mucoso, con il tempo, a causa del riassorbimento del tessuto osseo sottostante, la mucosa gengivale si modifica, ne consegue che la stabilità della protesi è compromessa; pertanto, si deve periodicamente riadattare la parte interna della protesi a contatto con le gengive (ribasatura).
Se non si esegue tale operazione, la protesi stessa diventa instabile e giorno dopo giorno infiamma la mucosa sottostante, introducendo un circolo vizioso che porta ad un aumento del riassorbimento osseo con conseguente instabilità e così via.
Con le attuali tecniche implantologiche, si possono inserire degli impianti, sia nel mascellare superiore sia nella mandibola inferiore, per eliminare la protesi mobile e ripristinare la corretta masticazione con una protesi fissa.

tecnica all-on four

Esistono numerose tecniche per portare a termine ciò, oltre a quella evidenziata nel video inserito alla fine del presente articolo, che sostanzialmente consiste nell'inserire 6-8 impianti con una riabilitazione circolare che può essere di resina, composito o ceramica, esiste una tecnica denominata "ALL ON FOUR".
Questa innovativa tecnica permette a un portatore di protesi mobile, o a un paziente portatore di problemi parodontali gravi, di ripristinare la funzione masticatoria con una protesi FISSA, con soli 4 impianti.
Sfruttando i vantaggi dell'inclinazione degli impianti posteriori, si fornisce un supporto protesico sicuro e ottimale per un ponte, anche con volume d'osso minimo, infatti, con questa tecnica si possono risolve quei casi che sino a ieri non erano risolvibili, perché le particolari inclinazioni degli impianti posteriori consentono il loro inserimento indipendentemente dalle formazioni anatomiche, quali il nervo alveolare o il seno mascellare, che limitano la possibilità di avere una protesi fissa con l'implantologia tradizionale.
La semplicità dei protocolli chirurgici e il ridotto numero di sedute riducono notevolmente il costo per il paziente.